La meditazione aiuta i bambini a ridurre l’impulsività

bambino-equilibria-canale-sinistro

Le parole “zen” e “bambino” non vengono generalmente associate, ma questo non ha fermato un numero crescente di genitori dall’iscrivere i loro bambini a “scuole ohm”, specializzate nell’arte dello yoga, meditazione e rilassamento.

Andrew Kelly di Boston ha detto che lui e suo figlio di 10 anni, Hayden, meditano insieme da quando Hayden aveva 7 anni. Ogni mattina, prima della scuola, padre e figlio seduti su cuscini, con le gambe incrociate e gli occhi chiusi, iniziano il monitoraggio in silenzio.

“Facciamo questo per esattamente 12 minuti, perché 12 è il suo numero preferito”, ha spiegato Kelly.

Kelly ha raccontato che praticano il “mindfulness” – una serie di tecniche di meditazione che rallentano la mente e fissano l’attenzione sul presente. Il cervello rallenta e si concentra su ciò che sta accadendo in questo momento.

L’insegnamento della meditazione ai bambini ha attirato alcuni sostenitori di alto profilo. La più famosa è l’attrice Goldie Hawn, il cui programma MindUp ha mostrato più di 150.000 bambini in tutto il mondo mentre trovano un posto felice all’interno del loro cervello.

“Insegniamo ai ragazzi a far prendere delle pause al cervello, perché ogni cervello ha bisogno di una pausa, e perché sappiamo che la meditazione costruisce un cervello più forte”, ha detto Hawn di ABCNews.com. “Li iniziamo a queste tecniche di consapevolezza e di relax già da piccoli, in modo che possano portarle con sé per tutta la loro vita. ”

Hawn ha detto che, per creare il suo programm, ha trascorso gli ultimi 10 anni a studiare come funziona il cervello, con la consulenza di neurologi e psicologi. Per i bambini stressati che non può raggiungere direttamente,  ha scritto una guida, “10 minuti di benessere da dare ai nostri figli – e a noi stessi – le competenze sociali ed emotive per ridurre lo stress e l’ansia ai fini di una buona salute ed una vita felice”, che si rivolge ai genitori e agli educatori, attraverso una pratica di meditazione step-by-step adatta a bambini di tutte le età.

Il regista David Lynch, otto anni fa, ha creato una fondazione per fornire borse di studio per i bambini in età scolare, finalizzate allo studio della meditazione trascendentale.

Tim Ryan ha sostenuto il programma “Le competenze per la vita” che insegna esercizi di respirazione profonda, meditazione e problem solving come parte del programma di studi della scuola elementare in diversi distretti scolastici dell’Ohio.

Gli studi sembrano sottolineare i benefici della meditazione.

Presso l’Università della California, una ricerca ha mostrato che bambini di seconda e terza elementare, che praticavano tecniche di meditazione per 30 minuti due volte alla settimana per otto settimane, hanno migliorato il comportamento e hanno ottenuto risultati più elevati ai test che richiedono memoria, attenzione e concentrazione rispetto a quelli che non facevano meditazione.

Un altro studio su oltre 3.000 bambini, al San Francisco Unified School District, ha trovato un notevole miglioramento nei punteggi dei test di matematica e alle prestazioni complessive dell’anno accademico tra gli studenti che praticavano la meditazione trascendentale, una forma di meditazione che favorisce il rilassamento e il “risveglio” della mente. Lo studio ha anche riscontrato una diminuzione delle sospensioni degli studenti, delle espulsioni e di abbandono scolastico.

E altri studi recenti hanno dimostrato la capacità di tecniche di “mindfulness”, in particolare quelle utilizzate in meditazione, lo yoga e tai chi, per ridurre l’impulsività, controllare le emozioni e alleviare lo stress.

I bambini di oggi sono certamente più stressati rispetto ai loro genitori. Secondo l’annuale dell’American Association, un bambino su cinque si dice molto preoccupato su cose che accadono nella vita e oltre il 30 per cento manifesta sintomi legati allo stress, come disturbi del sonno. Eppure, la stessa relazione ha rilevato che solo l’8 per cento dei genitori era consapevole di questo.
Oltre a suscitare interesse a Hollywood, la meditazione dei bambini è soprattutto un movimento di base che sta lentamente guadagnando un punto d’appoggio nelle scuole, nei piccoli studi e nelle case di tutto il Paese.

Kelly, il padre di Boston che ha meditato con il figlio di tre anni, ha fondato, quattro anni fa, il programma di meditazione per bambini chiamato Boston Buddha cominciando ad insegnare le tecniche di “consapevolezza” di K-5 a studenti del Milton, distretto scolastico del Massachusetts.

I suoi studenti più giovani – dalla seconda elementare in poi – praticano una serie di esercizi che si concentrano sui cinque sensi. Questo, ha detto, li aiuta ad imparare come il rumore di una matita, l’odore della pizza o la vista di un compagno di classe irrequieto può distrarli.

“Il momento magico dove si comprende la presenza mentale è quando riescono a controllarsi non prestandovi attenzione. Acquisiscono la capacità di controllare l’impulsività. Ciò li aiuta ad evitare di fare cose come saltare sul divano o percuotere il fratellino più piccolo”, ha detto Kelly.

Per i genitori che non riescono a trovare un programma nelle vicinanze o, che come Kelly, sono disposti ad insegnare tecniche di meditazione ai loro stessi bambini, ci sono molte risorse.

La fan page di Facebook Teach Meditation Child consiglia ai genitori come insegnare ai figli a meditare. Ci sono anche decine di podcast, registrazioni audio e siti web dedicati alla meditazione per bambini.

E, naturalmente, c’è anche un’app per la meditazione: l’app gratuita per smartphone, del sito web Smiling Mind, ha programmi scaricabili rivolti a bambini di 7 che vengono guidati ad una pratica di meditazione per la consapevolezza.

Una pratica mindfulness regolare può apportare benefici a qualsiasi cervello di qualsiasi età.
Gli esperti del Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa, Harvard Medical School, la Cleveland Clinic e molte altre organizzazioni sempre più si stanno occupando di queste pratiche per gli amanti della meditazione di tutto il mondo.
Articolo di Liz Neporent, tratto da: http://abcnews.go.com/